Finindustria srl – Holding di Confindustria Taranto – incontra a Roma le startup innovative insediate presso Luiss EnLabs. Focus sui settori moda e agroalimentare.

Sperimentare percorsi di innovazione, sviluppare collaborazioni con startup innovative promosse e partecipate dall’incubatore Luiss EnLabs, questo è l’importante esito di un incontro tenutosi a Roma da Finindustria, sollecitato da imprenditori della delegazione di Martina Franca di Confindustria Taranto.

L’evento è stato possibile atteso che Finindustria è socia di LVenture Group, l’unica società italiana quotata in borsa che investe in realtà produttive digitali a forte carattere innovativo e che, appunto, gestisce il suddetto acceleratore di imprese .

La riunione ha visto la partecipazione di Pietro Vito Chirulli, presidente della Holding di Confindustria Taranto, Giuseppe Ancona, delegato di zona, Martino Filomena, presidente della sezione Moda e Mario Mantovani, vice direttore della stessa Associazione.

In apertura dell’incontro Luigi Capello, amministratore delegato di LVenture Group ha illustrato i risultati che sinora la società romana ha conseguito, quali 33 start up partecipate, 300 nuovi posti di lavoro e circa 4 milioni di euro investiti in start up innovative.

Successivamente gli esponenti di Confindustria Taranto hanno incontrato i giovani imprenditori insediati nell’incubatore, visionando con particolare attenzione i  progetti espressione dei settori della moda e dell’agroalimentare.

Giuseppe Ancona e Martino Filomena, nel corso dei colloqui intrattenuti, hanno approfondito quelle tematiche di innovazione che possono essere applicate anche nel contesto produttivo del distretto di Martina Franca,  ai fini di una riduzione dei costi di produzione a tutto vantaggio dell’introduzione di nuove tecnologie digitali nei processi di distribuzione e vendita. Di tali esiti, si darà apposita comunicazione in una prossima riunione della delegazione presso la sede sita al Centro Servizio Tessile.

Pietro Vito Chirulli, infine, ha dichiarato la ferma volontà di Finindustria di consolidare queste forme di collaborazione e, nel contempo, sperimentarne delle nuove con LVenture Group in modo da favorire lo scambio di conoscenze tra le start up ed i soci sia della Holding che di  quelli di Confindustria Taranto.

La Gazzetta del Mezzogiorno 14 luglio 2014